Skip to content
Il Megafono Quotidiano

Colombia, il traffico di droga ostacola la pace

Piccole bande criminali occupano lo spazio lasciato dalle FARC nella Colombia rurale

L’Onu ha recentemente denunciato l’assassinio di oltre 300 leader sociali e 173 ex guerriglieri dopo la storica smilitarizzazione dei guerriglieri in Colombia. L’ondata di speranza che si è diffusa tra la popolazione colombiana quando il governo e i guerriglieri hanno firmato l’accordo di pace nel 2016 non è riuscita a sradicare la violenza delle bande criminali, che hanno preso di mira i leader sociali che cercano di attuare gli accordi di pace con misure come la sostituzione delle colture di cocaina. Solo quest’anno, più di trenta persone sono state uccise.

“Se un leader della comunità denuncia o interferisce nelle dinamiche di queste organizzazioni, rischia di essere ucciso”, dice Gustavo Duncan, esperto di traffico di droga e di criminalità organizzata. Nel caso degli ex combattenti, un terzo degli omicidi è stato per mano di dissidenti o di nuove organizzazioni che li considerano un pericolo per il loro controllo. All’ex membro delle FARC vengono offerte due opzioni: aderire o morire”.

A differenza dei grandi cartelli degli anni ’80 e ’90, si tratta di piccoli gruppi su base locale

Il numero attuale delle vittime non può essere confrontato con il numero di anni attivi delle FARC (220.000, secondo un rapporto del Centro colombiano della memoria storica, anche se ci sono altri studi che lo collocano a quasi un milione). Ma la lentezza dei processi giudiziari dei leader sociali assassinati e dell’attuazione degli accordi di pace ha lasciato le zone di conflitto prive di protezione. I gruppi criminali hanno approfittato del vuoto lasciato dalle FARC dopo la sua smobilitazione in vari dipartimenti e si battono per il controllo.

“Abbiamo verificato 61 casi nel 2016, 84 nel 2017, 115 nel 2018 e 107 nel 2019”, ha detto a Il Megaffono, portavoce dell’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, ma ha osservato che “ci sono ancora 13 reclami da verificare, quindi quest’anno potrebbero essere 120”.

Gli attacchi si verificano nelle zone rurali, quasi tutti in comuni con un’economia informale dove operano gruppi criminali e dove la presenza dello Stato è minima. L’epicentro della violenza è concentrato nei dipartimenti di Antioquia, Arauca, Cauca e Caquetá, dove è stata commessa la metà dei reati. “La violenza non si concentra in un solo luogo, ma si diffonde”, ha detto Hurtado.

I gruppi criminali non sembrano essere strutture con un alto livello di organizzazione, ma piuttosto bande locali. “Il clan del Golfo è in effetti una struttura con un certo livello di organizzazione, ma questi gruppi funzionano con una relativa autonomia”, dice Duncan. In alcuni casi, gli scontri tra bande hanno costretto intere popolazioni ad andarsene.

A Tumaco, un comune del dipartimento di Nariño, è stato dichiarato lo stato di emergenza umanitaria a causa del massiccio sfollamento della sua popolazione. Più di 3.000 persone hanno lasciato le loro case a seguito di scontri tra gruppi.

L’obiettivo principale delle bande criminali è il controllo delle coltivazioni di cocaina. “Oggi si produce più coca che mai, e chi controlla la produzione controlla il mercato”, dice Duncan. Secondo le stime di oenegé Indepaz, nei comuni del nord di Cauca ci sono tra i 12.000 e i 15.000 appezzamenti, con una media di 620 piante per appezzamento e una resa annua di circa 10 chili di cocaina. La sua coltivazione è il principale mezzo di sostentamento di molte famiglie. Finora il governo ha fornito una soluzione militare al conflitto, ma diverse organizzazioni per i diritti umani hanno messo in dubbio l’efficacia di questo approccio. Questi enegi richiedono l’attuazione di programmi di sviluppo efficienti e la sostituzione delle colture illecite, oltre a garantire la sicurezza delle comunità colpite. Sottolineano inoltre l’importanza che la Procura svolga un’indagine rigorosa sugli omicidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *