Skip to content
Il Megafono Quotidiano

L’uso di bicchieri biodegradabili aumenterà fino al 50% entro il 2023

bicchieri biodegradabili

In Messico, 20 delle 32 entità hanno approvato regolamenti municipali e statali per proibire l’uso di sacchetti di plastica, cannucce e unicel, incoraggerà l’uso di bicchieri biodegradabili.

Il rapido impegno dei paesi a ridurre le plastiche ad alto inquinamento e gli utensili monouso sta accelerando la crescita del mercato dei prodotti biodegradabili.

Entro il 2023, la società di consulenza internazionale IHS Markit, ha stimato una crescita del 53% nel consumo di prodotti realizzati con polimeri biodegradabili. Nel 2018, la domanda globale per questa classe di prodotti era di 360.000 tonnellate, ma si prevede che raggiungerà un minimo di 550.000 tonnellate entro cinque anni.

Con l’approvazione di una legge per eliminare le plastiche monouso entro il 2021, l’Unione Europea era il più grande mercato esigente al mondo per le plastiche biodegradabili con il 55% del totale. Secondo la società di consulenza, l’Europa è stata seguita dalle regioni dell’Asia e dell’Oceania con un quarto, il Nord America con il 19% e il resto del mondo con il restante 1%.

In Messico, 20 delle 32 entità del paese hanno approvato regolamenti municipali o statali per proibire l’uso di sacchetti di plastica, cannucce e unicel. I casi di Hidalgo, Jalisco, Guerrero e Città del Messico sono stati i più recenti.

Inoltre, le misure adottate nella capitale del Paese si distinguono dalle altre, in quanto fanno un passo avanti e dal dicembre 2020 sarà vietata “la commercializzazione, la distribuzione e la consegna di forchette, coltelli, cucchiai, bastoncini per mescolare, piatti, cannucce, tamponi di cotone, palloncini e bastoncini per palloncini, tazze e relativi coperchi, vassoi per il trasporto di alimenti, applicatori di tamponi, realizzati interamente o parzialmente in plastica, destinati allo smaltimento dopo un solo utilizzo, ad eccezione di quelli compostabili.

Una maggiore integrazione di questo tipo di politica nel Paese contribuisce a ridurre l’impatto ambientale della plastica, in particolare dell’unicel, un materiale che non può biodegradarsi e il cui processo di smaltimento – attraverso la discarica o l’incenerimento – produce gas classificati come altamente nocivi.

Il cambiamento nella regolamentazione di questi materiali sta cominciando ad avere un effetto anche sulle catene di produzione aziendali. Secondo Carlos López Espinosa, CEO di Casaez, un’azienda che commercializza plastiche biodegradabili, “con le nuove leggi sull’uso della plastica e sulla generazione di aziende verdi ed ecologiche, le aziende faranno un cambiamento graduale per migrare verso i prodotti biodegradabili nei prossimi due anni”.

In questo modo, la modificazione della cultura dell’uso della plastica non è più solo una questione personale; le piccole, medie e grandi aziende sono spinte a cercare alternative ecologiche, soprattutto nel settore alimentare, che ha trovato nella plastica monouso i suoi migliori alleati grazie alle loro caratteristiche pratiche e al basso prezzo. Gli stati in cui si osserva maggiormente un aumento del consumo di prodotti biodegradabili sono Puebla, CDMX, Guadalajara e Monterrey, sottolinea il direttore esecutivo di Casaez.

Attualmente, la produzione di prodotti in bioplastica supera ancora i costi di quelli realizzati con la plastica comune di circa il 50%, secondo i rapporti dell’istituto finanziario Mongan Stanley, data questa situazione, Lopez Espinoza afferma che “ci sono già opzioni come Casaez, che tagliano l’uso di intermediari, offrendo un prezzo migliore e incoraggiando un cambiamento ecologico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *