Skip to content
Il Megafono Quotidiano

Italia durante la seconda guerra mondiale – La vita in Italia

Benito Mussolini (a sinistra) e Adolf Hitler (a destra)
Benito Mussolini (a sinistra) e Adolf Hitler (a destra)

Guarda l’eccellente articolo Gli italiani nella seconda guerra mondiale, di Justin Demetri

Gli anni da Dal 1940 al 1945 in Italia, così come in molti altri paesi del mondo, sono stati quelli del Seconda Guerra Mondiale. L’impegno militare italiano in quegli anni è stato spesso criticato: se si pensava che l’esercito italiano fosse stato mal eseguito durante la guerra, ciò era dovuto principalmente alle circostanze dell’epoca.

Per l’Italia, tutto è cominciato nel giugno 1940quando il governo francese ha dichiarato Parigi città aperta dopo che gli eserciti tedeschi hanno invaso il paese. All’epoca, Mussolini sentiva che la guerra non sarebbe durata a lungo, e dichiarato guerra alla Francia e alla Gran Bretagna. Mussolini aveva l’obiettivo di espandere i possedimenti coloniali dell’Italia in Nord Africa, prendendo colonie dalla Francia e dalla Gran Bretagna.

L’attacco alla Francia

Gli italiani sferrarono il loro primo attacco alla Francia nel giugno del 1940. Dopo aver avuto successo all’inizio, si fermarono al Linea Alpina. La Francia si è arresa alla Germania nello stesso mese, e l’Italia ha conquistato alcune zone della Francia lungo il confine italo-francese.

In Novembre 1942, l’esercito italiano ha invaso di nuovo la Francia sudorientale e la Corsica. Dal mese successivo, un governo militare italiano è stato istituito sul lato est di Fiume Rodano. Ciò è continuato fino a settembre, quando l’Italia ha deciso di abbandonare la guerra contro la Francia.

Campagna del Nord Africa

L’Italia non ha mai realmente sperimentato alcun risultato in Nord Africa. Entro una settimana dalla dichiarazione di guerra nel 1940, gli inglesi avevano sequestrato Forte Capuzzo in Libia. Nel corso della sua permanenza sul suolo nordafricano, l’esercito italiano ha avuto diversi contrattempi e numerosi problemi logistici, spesso risolti solo con l’intervento di truppe tedesche meglio equipaggiate e meglio condotte.

Battaglia di Gran Bretagna

Italiano FIAT CR32
FIAT CR32 – Foto per gentile concessione di Elwood/wikipedia

Il dittatore dell’Italia, Benito Mussolini, intendeva sostenere lo sforzo tedesco sul fronte britannico durante il Battaglia di Gran Bretagna. Il contingente delle Regie Forze Aeree Italiane (La Regia Aeronautica) destinate a partecipare alla Battaglia d’Inghilterra erano note come CAI, il Corpo Aereo Italiano, o Corpo Aereo Italiano. Il CAI si recò in Belgio nel 1940 e attaccò per la prima volta nell’ottobre di quell’anno. Gli aerei italiani si erano uniti ai combattimenti verso la fine della battaglia.

Tutte le attrezzature utilizzate dall’Aeronautica Militare Italiana erano obsolete e non potevano eguagliare quelle della Gran Bretagna o della Germania. Per questo motivo, l’Italia non ebbe molto successo durante la battaglia.

Africa orientale

Insieme a diverse altre ben note battaglie in 1940, gli italiani hanno anche iniziato la loro Campagna dell’Africa orientale a giugno. Il fronte era stato aperto dalle loro colonie in Africa orientale: Eritrea, Somalia ed Etiopia. Come in Egitto, le forze italiane si sono unite all’esercito indigeno e hanno superato in numero le truppe britanniche. L’Africa orientale italiana era però lontana dalla terraferma: questo ha comportato l’interruzione dei rifornimenti, causando l’arresto definitivo delle operazioni nella zona.

Alpini sul fronte russo
Alpini sul fronte russo

Durante i primi attacchi in Africa orientale sono stati adottati due metodi diversi: in primo luogo, si sono tenuti attacchi sia verso il Kenya che verso il Sudan. Più tardi, in agosto, le truppe italiane avanzarono in Somalia, terra un tempo di proprietà degli inglesi. Dopo alcune perdite, le truppe britanniche sono state evacuate dalla regione dalle forze italiane.

I Balcani

Già prima che l’Italia dichiarasse la guerra, Mussolini aveva mostrato grande interesse per le terre di Albania. All’inizio del 1939, mentre gli altri Paesi erano concentrati solo sull’avanzata di Hitler sulla Cecoslovacchia, le truppe italiane attaccarono l’Albania in aprile. Nonostante la strenuissima resistenza degli indigeni, l’Italia riuscì a prendere rapidamente il controllo del Paese.

Invasioni d’Italia

Operazione Husky - Sbarco spiaggia sull'invasione della Sicilia
Operazione Husky – Sbarco spiaggia sull’invasione della Sicilia

Nel luglio 1943le truppe britanniche e americane si sono unite e hanno attaccato Sicilia in un’operazione nota come Operazione Husky. Le truppe tedesche si sono fatte carico della causa e hanno aiutato l’Italia a difendere gli attacchi. Pur avendo perso la Sicilia a causa degli alleati, riuscirono a mandare in salvo un gran numero di forze italiane e tedesche dalla Sicilia verso la terraferma.

Più tardi, nello stesso mese, un raid aereo su Roma ha causato il caos nella città, provocando la distruzione di siti militari, civili e storici. Con questi attentati, il popolo italiano, demoralizzato e affamato, si è sentito sempre meno in dovere di sostenere lo sforzo bellico del proprio Paese. Nel luglio 1943 il dittatore italiano Mussolini fu spodestato dal Gran Consiglio del fascismo. Il nuovo governo, che era stato guidato congiuntamente dal re popolare, Vittorio Emanuele III e Pietro Badoglio, ha preso il potere, dopo aver abbandonato, però, la capitale.

Il Regio Governo Italiano con sede in Puglia (da non confondere con il Repubblica fascista di Salò al governo del Nord del Paese) presto iniziarono trattative segrete con gli alleati per porre fine alla guerra. Questo è stato dedotto soprattutto a causa della terribile situazione della popolazione italiana e della raggiunta consapevolezza che l’esercito non era in grado di combattere una guerra. In Settembre 1943 un armistizio è stato firmato segretamente tra l’Italia e gli alleati al Fairfield Camp situato in Sicilia. Questo era stato annunciato pochi giorni dopo. A quel punto gli alleati si trovavano già nell’Italia continentale.

Winston Churchill aveva sempre considerato i paesi dell’Europa meridionale come militari e politicamente deboli: durante il Prima guerra mondiale, si schiera a favore dell’operazione Dardanelli e successivamente, durante la seconda guerra mondiale, sostiene l’idea di creare un’area operativa principale nei Balcani. Churchill aveva chiamato l’Italia il morbido ventre molle del continente e aveva quindi deciso di invadere il paese.

Tuttavia, l’Italia si è rivelata un obiettivo non facile per le forze armate. A causa dell’aspro terreno montano le truppe italiane avevano ottime posizioni di difesa, ma ignoravano il vantaggio che gli alleati avevano in termini di armi e unità meccanizzate e motorizzate.

Il vertice di Yalta nel 1945. Da sinistra a destra Winston Churchill, Franklin Delano Roosevelt e Josef Stalin
Il vertice di Yalta nel 1945. Da sinistra a destra Winston Churchill, Franklin Delano Roosevelt e Josef Stalin

La vittoria finale degli alleati sull’asse in Italia è avvenuta solo nella primavera del 1945. Questo accadde quando gli alleati avevano attraversato il Linea Gotica. Ciò ha portato alla resa di tutte le forze tedesche sul suolo italiano. Con questo, la Seconda Guerra della Parola si è finalmente conclusa per l’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *