Se stai pensando di comprare o hai appena comprato una casa per le vacanze in Italia, superare il processo di acquisto è solo il primo passo. Ci sono alcuni costi aggiuntivi coinvolti nel mantenimento di una seconda proprietà di cui essere consapevoli.

Alcuni lettori di The Local si sono messi in contatto per chiedere quanto dovrebbero pianificare di mettere da parte per le tasse su una seconda casa.

La prima cosa da notare è che le tasse sulle seconde case sono intrinsecamente più alte delle residenze primarie – o almeno, una casa principale si qualifica per certi sgravi fiscali di cui le seconde case non possono beneficiare.

SPIEGATO: I proprietari di seconde case possono ottenere un permesso di soggiorno italiano?

Ciò è dovuto al fatto che la residenza primaria rispecchia il diritto costituzionale italiano alla casa. Come tale, le bollette possono anche essere più alte per le proprietà di vacanza, rispetto alle tariffe ridotte per le prime case.

Ecco una panoramica di ciò che è necessario considerare, ma ricordatevi di verificare con un professionista perché le tasse dovute possono cambiare a seconda delle circostanze personali, della posizione e del tipo di proprietà.

Assicurati di sapere cosa devi pagare sulla tua seconda casa. Foto: Julia Solonina/Unsplash

Calcolare le tasse per possedere una seconda proprietà

Preparatevi a qualche acronimo, perché dovrete abituarvi se avete una seconda casa in Italia.

Come proprietario di un secondo immobile, sarai tenuto a pagare la IUC ‘imposta unica comunale(imposta unica comunale), che copre alcuni prelievi chiamati IMU e TARI.

LEGGI ANCHE: Da DAD a DOP: le sigle italiane più comuni spiegate

Prima di addentrarci in ognuna di queste e in cosa comportano, la buona notizia è che la parte più difficile è finita se sei riuscito a superare la parte del processo di acquisto.

“Il costo del mantenimento di una proprietà in Italia è molto più facile da calcolare rispetto alle spese che dovete elaborare per l’acquisto di una proprietà”, ha detto l’esperto fiscale Nicolò Bolla di Bolla Accounting.

Rispetto alle imposte di bollo, al pagamento dell’IVA e alle spese notarili legate all’acquisto di una casa, pagare le tasse è meno impegnativo – ma è comunque fondamentale da capire per evitare problemi o possibili multe da parte dell’Agenzia delle Entrate (Agenzie delle Entrate).

IMU

Imposta Municipale Unica (Imposta Municipale Unica) è l’aliquota di base dell’imposta che deve essere pagata allo stato italiano, basata sul valore della proprietà.

Non si paga se la tua residenza principale è in Italia e ci vivi più di sei mesi all’anno. Altrimenti, se è la tua seconda casa, devi pagare questa tassa.

Per i cittadini extracomunitari senza residenza in Italia, compresi gli americani e ora i britannici, è permesso loro di passare 90 giorni su 180 nell’UE.

Questo gruppo di persone con una seconda casa in Italia avrebbe bisogno di pagare l’IMU.

Brexit: come gli inglesi possono pianificare correttamente i loro 90 giorni su 180 in Italia e nella zona Schengen

Dovrai anche pagare l’IMU se possiedi una casa in Italia classificata come immobile di lusso, anche se è la tua residenza principale. Gli immobili di lusso nel sistema fiscale italiano sono definiti dalla categoria residenziale.

Gli sgravi fiscali offerti alle prime case non si applicano alle seconde case. Foto: Nils Schirmer/Unsplash

In questo caso, le categorie catastali A1, A8 o A9, ai fini fiscali sono tutte abitazioni di lusso (case signorili, ville e castelli).

Quanto si paga dipende dalla proprietà e dalla zona in cui si vive – i pagamenti sono basati su una percentuale del valore della proprietà, raccolti dal comune in cui si trova la casa, con una parte della tassa che va anche al governo nazionale.

Come guida approssimativa, dovrai prendere il 5% del valore della proprietà e poi moltiplicare quel numero per un coefficiente – una cifra che cambia a seconda del tipo di proprietà.

LEGGI ANCHE: Come può un cittadino extracomunitario ottenere un mutuo per comprare una proprietà in Italia?

Questo ti darà una base imponibile e da lì, ti verrà addebitato qualsiasi cosa dallo 0,4 all’1,06 per cento di quella cifra, a seconda del comune in cui si trova la tua seconda casa.

Non riceverai una fattura per questo, solo una scadenza di quando pagare e quale coefficiente è il tuo tipo di proprietà per poter fare le somme. L’IMU deve essere pagata ogni mese ed è dovuta due volte all’anno, a giugno e a dicembre.

Puoi pagarla tramite un modulo chiamato F24 attraverso la banca o le Poste.

Per sapere esattamente quale sarà la tua tassa IMU finale, è meglio consultare un commercialista che può organizzare l’operazione anche per te.

TASI

Nonostante le notizie di abolizione di questa tassa, in realtà esiste ancora, ma ora è stata fusa con la tassa IMU di cui sopra. Il Tassa sui Servizi Indivisibili (Tassa sui servizi indivisibili) copre i servizi forniti dal municipio o ‘municipio‘, come la manutenzione delle strade, l’illuminazione pubblica e il mantenimento degli spazi verdi.

Dal 1° gennaio 2020, tuttavia, il governo italiano ha introdotto una riforma per semplificare il pagamento delle tasse.

LEGGI ANCHE: Perché ora è il momento “migliore” per comprare immobili in Italia

Mentre il pagamento di questa tassa può essere diventato più semplice, è importante notare il suo costo per le seconde case, poiché la TASI è molto più alta che per le residenze primarie.

Per quanto riguarda la tua lista di controllo, non hai bisogno di pagare un’altra tassa separata, dato che ora è incorporata nell’IMU.

Un commercialista può assistervi su come questo può influire sui vostri costi IMU.

Le tasse per la raccolta dei rifiuti sono pagate da ogni proprietario di immobili. Foto: Andreas SOLARO/AFP

TARI

Tassa sui rifiuti (tassa sui rifiuti) è la tassa che devi pagare per la raccolta dei rifiuti e non dipende dal tipo di proprietà o da quanto tempo ci stai.

È una tassa che pagherete dopo aver ricevuto una fattura dal vostro comune e dovrebbe essere dovuta solo una volta all’anno. Comprende una quota fissa basata sui metri quadrati della casa e sul numero di persone che ci vivono.

Quando si tratta di seconde case, il calcolo di quante persone vi abitano può a volte creare difficoltà, ma i singoli comuni possono offrire riduzioni in base alle circostanze individuali.

Irpef (Imposta sul reddito)

Questa è l’imposta sul reddito delle persone fisiche (L’imposta sul reddito delle persone fisiche), che potrebbe creare confusione se si possiede una seconda casa in cui si trascorre qualche mese all’anno. Come può applicarsi a voi?

Beh, può, ma la buona notizia è che se paghi l’imposta IMU, non dovresti preoccuparti dei calcoli IRPEF.

LEGGI ANCHE: Il costo reale dell’acquisto di una casa in Italia come straniero

Una seconda casa può essere soggetta all’imposta sul reddito se viene affittata e genera un reddito da locazione.

Tuttavia, se la usi solo come seconda casa e non la affitti quando non sei in Italia, l’imposta sul reddito non è dovuta.

Cosa succede se voglio affittare la mia seconda casa?

Se hai pensato di affittare la tua proprietà in Italia, avrai bisogno di compilare ulteriori documenti perché guadagnerai dalla tua seconda casa.

In primo luogo, l’IRPEF sarebbe dovuta sul reddito generato dall’affitto pagato dai tuoi inquilini secondo le tariffe stabilite.

In Italia, l’imposta sul reddito va dal 23 per cento sui primi 15.000 euro guadagnati, aumentando gradualmente fino al 43 per cento di imposta man mano che i guadagni aumentano.

Hai una proprietà da affittare quando non ci sei? Controlla quale imposta sul reddito dovrai pagare sui tuoi guadagni.
Hai una proprietà da affittare? Controlla quale imposta sul reddito dovrai pagare sui tuoi guadagni. Foto: Luca Bravo / Unsplash

A questa imposta sul reddito si aggiungono anche le tasse comunali e regionali.

Se sei un cittadino americano, c’è un’ulteriore considerazione che può essere “complicata”, ha avvertito Bolla.

“Gli americani avrebbero bisogno di pagare le tasse sia in America che in Italia se si guadagnano soldi in Italia, poiché il loro principio di tassazione è diverso”, ha detto.

C’è anche la questione di chi si vuole affittare e per quanto tempo, dato che affittare la propria casa come proprietà residenziale è diverso dall’usarla come casa vacanza, per esempio, con obblighi diversi per entrambi.

Un professionista potrebbe guidarvi su quale sia la strada giusta per le vostre circostanze.

Il tipo di proprietà che possiede come seconda casa

Ci sono esenzioni e agevolazioni fiscali per i proprietari di seconde case, “a seconda del tipo di proprietà e delle sue condizioni”, secondo Bolla.

Alcune di queste esenzioni sono state introdotte dalla legge di bilancio 2021 (La Legge di Bilancio) e altri sono stati cancellati dal Decreto di Sostegno (Decreto Sotegni).

Alcune nuove misure per il 2021 per quanto riguarda l’imposta sugli immobili comprendono, per esempio, agevolazioni per i pensionati di nazionalità straniera.

Ma le variabili sono vaste e non c’è una soluzione unica per quanto riguarda le tasse da pagare sulla seconda casa.

“Chiedete sempre qual è il tipo di proprietà in cui è classificata la vostra casa e qual è l’uso più conveniente della vostra proprietà, tenendo conto della vostra situazione”, consiglia Bolla.

Nicolò Bolla dirige Accounting Bolla, uno studio tributario e contabile globale con sede in Italia. Potete contattarlo ulteriormente qui.

Si prega di notare che The Local non può dare consigli su casi specifici. Per ulteriori informazioni sulle proprietà in Italia, controlla le nostre guide qui.