Chi siamo

Edizioni Alegre nasce nel 2003 per iniziativa di Salvatore Cannavò, Giulio Calella e Checchino Antonini. A quel tempo Porto Alegre rappresentava la speranza di un mondo migliore. Quella intuizione resta per noi un orientamento prezioso per una possibilità di trasformazione nel tempo in cui la sinistra storica si spinge fino alla propria scomparsa. Esistono, ed esisteranno, ancora nuovi movimenti che si oppongono al pensiero unico della finanza e alle narrazioni di regime, rivendicando "le ragioni del 99% della popolazione" contro quelle dell'1%.

Sgonfiare le favole dei potenti e raccontare altre storie: è questo l'intento del nostro progetto editoriale attraverso la pubblicazione di idee in controtendenza, inchieste scomode e letteratura sociale. La nostra produzione si concentra su collane di inchiesta giornalistica, analisi storica e riflessione teorica, a cui si affiancano la rivista “Letteraria” e la collana “Scritture resistenti” fondate da Stefano Tassinari, e più recentemente la collana "Quinto tipo" diretta da Wu Ming 1: "oggetti narrativi non identificati" che sperimentano l'ibridazione tra i generi per raccontare storie "con ogni mezzo necessario".

Ci ha sempre spinto il punto di vista dei "vinti" benjamiani, cogliendo nelle sconfitte del Novecento una possibilità per il futuro. Sappiamo che questo non basta più e che occorre costruire senso e cultura per una trasformazione da riprogettare. L'orizzonte che si apre davanti a noi richiede pazienza, fili tenaci di una narrazione disintossicata dalle scorie del pensiero unico, letteratura e pensiero critico che tendano al cambiamento, alla rivoluzione.

Le collane di Alegre

Quinto tipo: la collana diretta da Wu Ming 1, oggetti narrativi non-identificati, ibridi narrativi, prodotti da intelligenze aliene al mainstream.

Tempi moderni: le nostre inchieste giornalistiche che indagano il presente con gli occhi dell'impegno civile, per fornire una controinformazione che resista ai media dominanti.

Scritture resistenti: fondata da Stefano Tassinari, esperimenti di letteratura sociale in cui denuncia e immaginazione si fondono.

Futuro anteriore: riflessioni inedite su percorsi inesplorati della politica e dei movimenti sociali. Per ricostruire una cultura politica all'altezza dei tempi.

Tracce: per indagare la storia dalla parte delle sue vittime - i "vinti" benjaminiani - e non dei "vincitori", recuperando dal passato ragioni ed energie per inventare il futuro.

Marxiana: testi classici del pensiero marxista inediti, introvabili o poco conosciuti, accompagnati da nuove e ampie introduzioni critiche.

Sulla frontiera: per raccontare "il nuovo disordine mondiale" e le novità della geopolitica.

Studiare con lentezza: per approfondire la natura attuale e passata dei movimenti studenteschi, da sempre protagonisti dei momenti di ribellione e di trasformazione sociale.

--

Edizioni Alegre, società cooperativa giornalistica

Direttore generale: Giulio Calella
Direttore editoriale: Salvatore Cannavò
Redazione: Pietro De Vivo, Wu Ming 1, Tommaso De Lorenzis
Art Director: Alessio Melandri
Webmaster: Marco Antonutti

Telefono: 06/45445002
Fax: 06/45445002
mail: redazione@edizionialegre.it
Indirizzo: Circonvallazione Casilina 72/74, 00176, Roma
Promozione libri: Libromania
Distribuzione: Messaggerie