A volte, quando ci si affanna a pensare alla parola italiana per qualcosa e si fallisce miseramente, c’è la tentazione di buttare giù l’inglese con una vocale in più alla fine e vedere dove si arriva.

La maggior parte delle volte la risposta è: non molto lontano. Ma “stupido” è una di quelle parole che possono essere italianizzate con la semplice aggiunta di una vocale in più.o‘, ‘a‘, ‘i‘ o ‘e‘ (a seconda che il soggetto sia maschile o femminile, singolare o plurale):

È la cosa più stupida di cui abbia mai sentito parlare.
È la cosa più stupida di cui abbia mai sentito parlare.

Pensi che io sia uno stupido?
Pensi che io sia uno stupido?

L’italiano, tuttavia, fa un passo avanti rispetto all’inglese in quanto crea un intero sostantivo aggiuntivo dalla parola che non esiste affatto per gli anglofoni: stupidaggine (STOOP-ih-DADGE-inn-eh), che significa qualcosa come un pezzo di spazzatura, un’assurdità, una sciocchezza – in breve, una piccola cosa stupida/triviale, per la quale non vale la pena perdere tempo.

Questa è una stupidaggine e lo sai benissimo.
Questa è una stupidaggine e lo sai benissimo.

Sicuramente entro domani si sarà scordata di questa stupidaggine.
Sicuramente entro domani si sarà dimenticata di questa stupidaggine.

A differenza di tutti i suoi equivalenti inglesi, stupidaggine è un sostantivo numerabile, il che significa che esiste anche nella forma plurale, stupidaggini (STOOP-ih-DADGE-inn-ee) – infatti, probabilmente lo sentirete usare più comunemente al plurale che al singolare.

Non ne posso più delle sue stupidaggini.
Ne ho abbastanza delle sue stupidaggini.

Non ho tempo per affrontare queste stupidaggini.
Non ho tempo per affrontare queste stupidaggini.

È una parola così piacevole da pronunciare che, una volta che ci si è abituati, è probabile che ci si ritrovi a usarla sempre (per non parlare del fatto che ci si chiede perché in inglese non esista una parola per “stupid little thing/s”).

Ma stupidaggine non è l’unica parola italiana che significa “stupidità” ad avere una bella cadenza.

C’è anche sciocchezze (shock-ETZ-eh), il plurale di sciocchezza (sciocchezza-ETZ-a), che significa più o meno esattamente la stessa cosa di stupidaggini.

Smettila di dire sciocchezze.
Smettila di dire cose ridicole.

Ho commesso una sciocchezza.
Ho fatto una sciocchezza.

Gfvip Grandefratellovip GIF - Gfvip Grandefratellovip Marchesadaragona GIFs

Come stupidaggini, sciocchezze deriva da un’altra parola: sciocco, che può essere usato sia come aggettivo, con il significato di sciocco o sciocco, sia come sostantivo, con il significato di sciocco (stupido può essere usato anche come aggettivo o sostantivo in italiano).

Poi c’è il meno comune scemenze (shem-ENZ-eh), il plurale di scemenza (shem-ENZ-a), che deriva dal sostantivo/aggettivo scemo (SHAY-mo), e anche in questo caso è più o meno intercambiabile con entrambi i termini stupidaggini e sciocchezze.

Che scemenze ho detto ieri sera?
Che scemenze ho detto ieri sera?

Infine, c’è il più volgare cazzate (catz-AH-teh), il plurale di cazzata (catz-AH-tah) – è molto usato nell’italiano colloquiale, ma bisogna stare attenti a chi lo dice perché è più vicino a “cazzate” che a “sciocchezze”.

Scusa, sono allergico alle cazzate.
Scusate, sono allergico alle cazzate.

Un Sacco Di Cazzate Dice GIF - Un Sacco Di Cazzate Diceunsaccodicazzate Comesempre GIFs

Quindi, la prossima volta che andrete a fare una passeggiata per la comune con l’obiettivo di portare a termine qualche compito burocratico, per poi essere rimandati a casa perché manca la fotocopia di un documento non menzionato in precedenza, almeno avrete il vocabolario che se ne lamenta.

C’è una parola o un modo di dire italiano che vorreste che pubblicassimo? Se sì, inviateci un’e-mail con il vostro suggerimento.