Skip to content
Il Megafono Quotidiano

Famiglie italiane: allora e oggi

L’immagine stereotipata del grande e tradizionale Famiglia italianacon più di sei bambiniè solo un vecchio ricordo. In effetti, negli ultimi trent’anni la struttura della famiglia italiana è radicalmente cambiata rispetto al modello tradizionale che eravamo abituati a vedere nei vecchi film. In passato le famiglie italiane, soprattutto quelle del Sud, erano composte da molti bambini ed erano unità patriarcali dove le donne di solito non lavoravano. Negli ultimi 100 anni, l’evoluzione del Paese da sistema agricolo a sistema industriale ha portato molti cambiamenti nella cultura, nella mentalità e nelle abitudini della società italiana – e le famiglie sono cambiate di conseguenza. Tuttavia, i cimeli del modello tradizionale di famiglia si possono ancora trovare nel sistema moderno.

Le proteste giovanili della fine degli anni Sessanta e i movimenti femministi sono stati seguiti dall’introduzione della legge sul divorzio nel 1970, dalla riforma del diritto di famiglia del 1975 e dalla legge sull’aborto del 1978. hanno generato un cambiamento nella famiglia classica. È in quel periodo che il modello familiare italiano, fortemente ispirato ai dogmi della Chiesa cattolica, entra in crisi. Il primo grande scollamento tra i valori religiosi e la società italiana è stato infatti rappresentato dalla vittoria dei favorevoli al divorzio sancita in uno storico referendum dal 59,3% della popolazione, contro il 40,7 dei contrari. In un successivo referendum per l’abolizione del divorzio, nel 1981, la maggioranza era ancora più schiacciante: il 70% della popolazione era a favore del divorzio. Le “tentazioni di un erotismo devastante”, l’importanza della fecondità e il valore della santità del matrimonio, citate da papa Paolo VI come motivi per non introdurre il divorzio in Italia, apparivano ormai concetti del tutto anacronistici.

Famiglie italiane di allora e di oggi: tra gli anni ’40 e ’60 i miei nonni hanno avuto 8 figlie. Di queste, 6 si sono sposati e hanno avuto uno o due figli (solo i più grandi ne hanno avuti 3). Degli 11 nipoti (e io – Katty – sono uno di loro), 3 si sono sposati e 3 hanno avuto uno o due figli (uno è una mamma single); 3, tra i 35 e i 40 anni, vivono ancora con i genitori.


Le famiglie italiane oggi

Anche se Le famiglie italiane tendono ad essere più piccole Ora, continuano a passare molto tempo insieme e i loro membri di solito cercano di riunirsi per mangiare insieme almeno un pasto al giorno, dove condividono gli eventi delle loro giornate. Inoltre, ci sono ancora forti legami tra i membri della famiglia anche quando creano nuovi nuclei familiari o se vivono lontano dalle loro famiglie originarie, e la maggior parte di loro si unisce ancora ai genitori o ai parenti durante le feste come Natale o Pasqua.

La famiglia media italiana oggi è composta da uno o due bambini. In genere, a causa di diversi concetti culturali di stile di vita e valoriLe famiglie del Sud avranno più figli di quelle del Nord del Paese, spesso più di due. Le indagini e le statistiche dell'ISTAT (Istituto Nazionale di Statistica) mostrano una drastica riduzione del numero di membri medi per famiglia. Ciò è dovuto ad alcuni importanti fattori: un riduzione del numero di nuove nascite (che ha portato ad un aumento del numero di coppie senza figli); a diminuzione del numero di matrimonie un aumento del numero di famiglie monoparentali.

Inoltre, un altro tipo di famiglia è ormai diffuso in tutta Italia, il cosiddetto famiglia ricostituitadove un membro della famiglia è un pendolare o vive per un certo periodo in altre parti del paese a causa del lavoro. Tutto ciò contribuisce a una riconcettualizzazione dei ruoli che gli individui svolgono nelle diverse fasi della vita, sia all'interno che all'esterno della famiglia.

Il problema dell'invecchiamento

Famiglie italiane
Immagine sopra di Paolo Bendandi @paolobendandi
Famiglie italiane

Negli ultimi anni si è registrato un notevole aumento del numero di coppie anziane, causando uno squilibrio tra le generazioni perché le nascite dei bambini non compensano il processo di invecchiamento. In effetti, il tasso di invecchiamento in Italia è in pieno boom; è il più veloce di crescita a livello mondiale. Il numero di coppie di età compresa tra i 74 e gli 85 anni è aumentato costantemente negli ultimi anni, e questo fenomeno richiede ulteriori misure nel campo dei servizi sociali.

Il tasso di natalità, anche se inferiore a quello necessario per bilanciare il processo di invecchiamento, continua a ricevere un forte impulso da parte delle coppie straniere in quanto la nascita di bambini nati da genitori provenienti da altri paesi è aumentata, dal 6% nel 1995 al 12% nel 2004.

Nuovi modelli di famiglia

L'Italia ha subito un'importante rivoluzione nelle tipologie di modelli familiari a causa di una serie di fattori, primo fra tutti il il cambiamento del ruolo delle donne - la rivoluzione sociale ha fatto sì che sempre più donne siano indipendenti e si concentrino sulla loro carriera. Inoltre - e in gran parte a causa del cambiamento di status delle donne - il concetto stesso di unità familiare è cambiato, passando da un modello gerarchico a uno di maggiore uguaglianza all'interno della famiglia stessa. Ciò ha portato a nuovi tipi di famiglie: famiglie composte da single, coppie (non sposate), coppie senza figli e famiglie monoparentali.

L'aumento del numero dei single è pari al 25,9%, mentre quello delle coppie senza figli è pari al 19,8%, mentre diminuisce il numero delle coppie con figli (39,5%) e delle famiglie numerose (5,1%).

Questi dati sono stati influenzati da un fattore importante: i figli escono di casa più tardi rispetto al passato. Questa è una differenza che va evidenziata se si confronta il modello familiare italiano con quello americano: nella famiglia italiana è comune trovare figli che vivono con i genitori fino a quando si sposano, e anche allora alcuni continuano a vivere sotto lo stesso tetto dei genitori e dipendono economicamente da loro.

I motivi più comuni per cui si decide di sposarsi più tardi, o di non sposarsi affatto, sono: l'istruzione e le spese legate alla frequentazione dell'università, la mancanza di indipendenza economica e la mancanza di un lavoro stabilecome sottolinea l'ISTAT.

In Italia, chi frequenta l'università non è, in media, economicamente indipendente. Inoltre, oggi gli italiani hanno difficoltà a trovare un lavoro stabile e non vogliono mettere su famiglia senza avere una stabilità economica.

Tutto questo ha causato un ritardo nell'età della procreazione, Anche le donne italiane, infatti, hanno generalmente il primo figlio a 30,8 anni, come dimostrano le statistiche ISTAT, rispetto alle altre madri europee, che hanno generalmente il primo figlio tra i 26 e i 30 anni. Inoltre, si registra un sostanziale aumento del numero di famiglie monoparentali: sono due milioni, di cui l'83,6% è gestito da donne.

Da tutti questi dati emerge che non è più possibile classificare la famiglia italiana in una sola categoria. Accanto al modello tradizionale di famiglia, che ha dominato per secoli, coesistono nuovi modelli di famiglie, modelli che esprimono i cambiamenti economici e sociali che l'Italia ha vissuto nella sua storia recente.

Mentre il mondo e le norme continuano a cambiare, è probabile che le strutture familiari cambino con loro, e nuovi modelli di famiglia continueranno ad emergere.

La famiglia italiana nel 2020

Ora esiste un nuovo tipo di famiglia: La Famiglia Arcobaleno ( la famiglia dell'arcobaleno). Nel 2016, le unioni civili tra persone dello stesso sesso sono state legalmente riconosciute nel Paese, il che ha semplificato il processo di adozione dei bambini per le coppie dello stesso sesso.

Mentre questa rimane una realtà relativamente nuova - almeno legalmente, cioè - nel Paese, le coppie sposate dello stesso sesso sono diventate sempre più numerose, un primo importante passo per la normalizzazione di un tipo di unione che solo una manciata di anni fa era considerata impensabile.

Lo stesso si può dire delle coppie dello stesso sesso che adottano: pur essendo ancora una relativa rarità nel paese, ampia rappresentazione delle famiglie arcobaleno nei media nazionali e la presenza di associazioni ben consolidate come la Associazione Famiglie Arcobaleno, hanno portato sotto i riflettori l'importanza della tolleranza e dell'accettazione, guidati dalla legittima convinzione che l'amore, non il genere, debba essere al centro dell'unità familiare.

Archivio:Gay Pride roma 2008 - Famiglie arcobaleno.JPG

Famiglia Arcobaleno Italiano
La famiglia italiana dell'arcobaleno

Scusate! L'Autore non ha compilato il suo profilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *