Ma esattamente che tipo di test Covid sono accettati per l’ingresso in Italia – e questo cambia a seconda del luogo da cui si viaggia?

Qui, abbiamo analizzato le regole per entrare in Italia da paesi non UE, compresi Regno Unito e Stati Uniti.

Le basi

Tutti i viaggiatori provenienti da quasi tutti i paesi delle liste D ed E del governo italiano (cioè la maggior parte dei paesi non UE) richiedono attualmente la prova di un test Covid negativo effettuato entro 72 ore dall’ingresso in Italia. Questo vale indipendentemente dal fatto che il passeggero sia vaccinato o meno.

L’unica eccezione è il Regno Unito; i viaggiatori provenienti dal Regno Unito, dall’Irlanda del Nord e dalle isole britanniche devono aver effettuato il test Covid entro 48 ore dall’arrivo in Italia.

Ma che tipo di test sono accettabili? È sufficiente un test a domicilio?

La risposta a quest’ultima domanda è: a volte, in circostanze specifiche.

L’Italia accetta sia i test antigenici rapidi che i test PCR per l’ingresso nel paese.

Nel Regno Unito in particolare, un test rapido dell’antigene è spesso chiamato “test antigene a flusso laterale” o semplicemente “test a flusso laterale” (LFT).

In molti paesi, si possono facilmente acquistare kit di test rapidi antigene/LFT a domicilio, e si potrebbe anche riceverli gratuitamente dal governo o dal proprio datore di lavoro.

Ma non puoi semplicemente usare uno di questi kit di test casalinghi di base per i viaggi internazionali. Se vuoi usare un kit di autotest per entrare in Italia, deve essere un kit acquistato da un fornitore ufficiale che ti rilascerà un risultato certificato e timbrato che può essere controllato da un ufficiale di frontiera.

Test “Fit to Fly” nel Regno Unito

Tutti i viaggiatori dai sei anni in su provenienti dal Regno Unito – compresi coloro che sono completamente vaccinati – richiedono la prova di un recente test Covid negativo per entrare in Italia. Il test deve essere stato fatto entro 48 ore dall’ingresso nel paese.

Questa prova di un test COVID-19 negativo è conosciuta come un test “fit to fly” nel Regno Unito. Vale la pena cercare questo quando si organizza il test con una società di analisi privata. Di nuovo, ottenere semplicemente un qualsiasi vecchio test antigenico o a flusso laterale non sarà sufficiente se non viene fornito con un certificato per il viaggio.

Alcune di queste aziende condurranno test rapidi in loco presso centri di test all’aeroporto o in centri commerciali o cliniche sanitarie private.

Tuttavia, molte società di test Covid con sede nel Regno Unito vi invieranno invece un test a domicilio da effettuare durante una videochiamata guidata.

Se il risultato è negativo, l’azienda invierà un certificato di viaggio che può essere utilizzato per l’imbarco.

Mentre la Francia ha detto che non accetterà i risultati dei test Covid autosomministrati, l’Italia non ha emesso una guida simile: “un test covid molecolare o antigenico negativo (non il test rapido del NHS) effettuato nelle 48 ore precedenti l’arrivo in Italia” è tutto ciò che è richiesto, secondo il sito dell’ambasciata italiana a Londra.

Con questo in mente, sembra che l’Italia accetterà alcuni kit di test a casa – anche se il kit deve essere acquistato da un fornitore che è in grado di guidarvi attraverso il processo a distanza e rilasciare un risultato certificato negativo del test alla fine.

L’Italia accetta sia certificati stampati che digitali, quindi un risultato contenuto in una e-mail va bene.

È importante notare che anche se un risultato di questo test è valido per l’ingresso in Italia, non può essere utilizzato per ottenere il certificato sanitario italiano ‘green pass’ ora richiesto per accedere alla maggior parte dei luoghi e dei servizi nel paese, compresi gli alberghi e i trasporti pubblici.

Per un pass verde che dura 48-72 ore (a seconda del tipo di test effettuato), è necessario pagare un test rapido o PCR presso una farmacia o un altro fornitore di test.

LEGGI ANCHE: Come ottenere un test per il coronavirus in Italia

Dal 6 dicembre, è stato anche un requisito in Italia per produrre un ‘super pass verde’ – disponibile solo per coloro che sono stati vaccinati contro o sono guariti dal Covid – per accedere a molti luoghi di svago, compresi i posti a sedere al coperto in ristoranti, cinema, teatri, concerti e partite sportive.

Il ‘super pass verde’ non può essere ottenuto tramite un test Covid – tuttavia, la prova della vaccinazione dalle autorità sanitarie nel Regno Unito, così come negli Stati Uniti, Canada, Israele e Giappone, è considerata equivalente sia al ‘super pass verde’ che al pass verde di base, e dovrebbe dare ai titolari l’accesso a tutti gli stessi spazi.

Oltre a produrre un risultato del test valido, i viaggiatori provenienti dal Regno Unito (e da tutti gli altri paesi della lista D ed E) devono anche compilare un modulo di localizzazione dei passeggeri dell’UE prima della partenza e mostrare la prova di essere stati completamente vaccinati dal SSN per poter entrare in Italia.

I viaggiatori non vaccinati dovranno stare in quarantena per cinque giorni all’arrivo in Italia e fare un test rapido presso una farmacia o un altro fornitore riconosciuto per uscire dall’autoisolamento il quinto giorno.

Al ritorno nel Regno Unito, i passeggeri dovranno fare un test rapido (o PCR) entro due giorni dalla loro partenza per poter rientrare nel paese.

I test rapidi sono validi a questo scopo e possono essere facilmente reperiti presso le farmacie o le strutture di analisi degli aeroporti in Italia. Anche i kit di autotest “fit to fly” ordinati prima di lasciare il Regno Unito e portati in vacanza sono validi, a condizione che si faccia il test nei tempi corretti.

Una hostess attende di assistere i passeggeri che passano una prova rapida all’aeroporto di Malpensa a Milano il 3 aprile 2021. Piero Cruciatti / AFP

LEGGI ANCHE: Domanda del lettore: Cosa succede se sono positivo al Covid-19 mentre visito l’Italia?

Test del Covid-19 per i viaggi dagli Stati Uniti all’Italia

Gli Stati Uniti attualmente consigliano ai cittadini di non viaggiare in Italia a causa del recente aumento delle infezioni da Covid-19 e delle preoccupazioni per la diffusione della variante Omicron.

Agli americani non è vietato visitare un paese sotto un avviso di viaggio di livello 3, ma sono invitati a evitare viaggi non necessari e ad assicurarsi di essere completamente vaccinati se fanno il viaggio.

Come nel caso dei viaggiatori dal Regno Unito, i passeggeri dagli Stati Uniti devono fare un test rapido da un fornitore che può fornire un risultato certificato per il viaggio – ma a differenza dei passeggeri del Regno Unito, hanno una finestra di 72 ore in cui fare il loro test prima di arrivare in Italia.

I centri di test sono molto diffusi negli Stati Uniti e normalmente dovrai fornire il tuo indirizzo e-mail o il tuo numero di telefono (alcuni non accettano numeri stranieri) per ricevere i tuoi risultati. Il sistema può variare da stato a stato e da centro a centro.

I passeggeri provenienti dagli Stati Uniti devono anche compilare il modulo di localizzazione dei passeggeri dell’UE prima della partenza.

Nel caso dei viaggiatori statunitensi, l’Italia accetta sia le carte di vaccinazione CDC or prova di guarigione del Covid da parte di un fornitore ufficiale di assistenza sanitaria. I passeggeri che possono produrre una di queste cose, insieme a un risultato valido del test rapido, sono esenti dall’obbligo di quarantena in Italia.

Coloro che arrivano senza la prova della vaccinazione o della guarigione dal Covid dovranno stare in quarantena per cinque giorni all’arrivo in Italia, e fare un test rapido in una farmacia o altro fornitore riconosciuto per uscire dall’autoisolamento il quinto giorno.

Coloro che tornano negli USA devono essere sottoposti al test per il Covid-19 non più di un giorno di calendario prima del volo. La maggior parte dei tipi di test rapidi, che possono essere facilmente ed economicamente ottenuti in molte farmacie in tutta Italia, sono accettati, ma devono soddisfare i criteri di idoneità del CDC.