I corpi devono essere cremati in crematori designati e i funerali sono vietati

I morti del coronavirus non potranno essere sepolti dove vogliono i loro parenti o avere una cerimonia di addio, dopo che il governo cinese ha emesso oggi un rigoroso protocollo per il trattamento dei cadaveri, come parte dei suoi sforzi per controllare l’epidemia.

I resti dei morti infettati dal nuovo coronavirus dovranno essere cremati presso un’impresa di pompe funebri designata e vicino a dove si trovano, non saranno trasportati tra le diverse regioni e non saranno conservati mediante sepoltura o altri mezzi, dice un protocollo emesso dalla Commissione sanitaria nazionale, dal Ministero degli affari civili e dal Ministero della pubblica sicurezza.

I corpi devono essere cremati in un’impresa di pompe funebri designata

Le tradizioni funerarie, come la cerimonia di addio, sono vietate e i corpi devono essere disinfettati e messi in un sacchetto sigillato dagli operatori sanitari e non possono essere aperti dopo la sigillatura.

Corpi cremati

Le pompe funebri devono inviare personale e veicoli speciali per consegnare le salme secondo il percorso indicato

Le pompe funebri devono inviare personale e veicoli speciali per consegnare le salme secondo il percorso indicato, e le salme devono essere cremate in crematori designati, ha detto la linea guida.

Secondo gli ultimi dati, il numero di morti è salito oggi a 305 (46 in più rispetto al sabato), mentre il numero di persone infettate dalla malattia sul territorio cinese si è attestato a 14.380 (2.590 in più rispetto al giorno precedente).

Finora tutti i decessi sono avvenuti in Cina, ma oggi è stato confermato che un cinese è morto sabato nelle Filippine, dove si era recato da Wuhan, l’epicentro del nuovo coronavirus.