Il governo italiano giovedì sera ha approvato all’unanimità regole più severe sui raduni pubblici e sull’uso di pass sanitari e maschere.

Il nuovo decreto ha riportato l’obbligo di indossare le maschere all’aperto, ha vietato temporaneamente le manifestazioni pubbliche e ha anche ridotto la validità del certificato sanitario Covid ‘green pass’.

LEGGI ANCHE: Covid-19: L’Italia rende obbligatorio l’uso della maschera all’aperto

La mossa arriva mentre l’Italia ha registrato il suo più alto tasso giornaliero di infezione da coronavirus, con oltre 44.000 casi riportati dal ministero della salute giovedì.

Ecco una ripartizione dei cambiamenti, che dovrebbero essere applicati nei prossimi giorni e copriranno il periodo fino al 31 gennaio.

Riunioni e feste

  • Nessun evento pubblico all’aperto – Gli eventi pubblici all’aperto e le feste saranno temporaneamente vietati durante le feste, ha confermato il ministro della Salute Roberto Speranza, dopo che molte autorità locali hanno scelto di cancellare gli eventi di Natale e Capodanno nelle città di tutto il paese.
  • Vita notturna – Le discoteche e i locali da ballo saranno chiusi fino al 31 gennaio, ha detto Speranza.
  • Nessun limite per gli ospiti a casa – A differenza dell’anno scorso, il decreto non pone limiti al numero di ospiti che si possono avere in casa per la cena della vigilia di Natale, il pranzo di Natale, Santo Stefano o Capodanno.

Lasciapassare verde

  • Estensione temporanea delle regole del pass verde nei bar – Il governo ha esteso il requisito del pass verde ‘rinforzato’ o ‘super’ a bar e ristoranti durante il periodo di festa, anche per il servizio al bar. Fino ad ora, ordinare e consumare cibo e bevande al bar è stato permesso senza alcuna restrizione di ‘green pass’. I cambiamenti significano che la prova della vaccinazione o del recupero dal Covid-19 è ora richiesta anche per consumare al bancone.
  • Validità del green pass ridotta a sei mesi – La validità del certificato sanitario del ‘pass verde’ sarà ridotta da nove mesi a sei, e il pass verde rinforzato o ‘super’ che prova la vaccinazione o il recupero diventerà un requisito in più luoghi, compresi i musei, palestre e piscine, luoghi di allenamento degli sport di squadra, centri benessere e terme al coperto (eccetto per le cure essenziali e le attività riabilitative o terapeutiche), centri culturali, sociali e ricreativi (esclusi i centri educativi per bambini), parchi a tema e di divertimento, sale da gioco, sale bingo e casinò.

Maschere

  • Requisito della maschera esterna – Dopo aver discusso per molte settimane, l’Italia ha reintrodotto l’obbligo di indossare maschere facciali negli spazi esterni, anche nelle zone “bianche” a più basso rischio.
  • Obbligo di maschera FFP2 – Le maschere FFP2, che sono più efficienti delle maschere standard, saranno richieste in alcuni luoghi tra cui cinema, teatri, eventi sportivi e sui trasporti pubblici.

Vaccini

  • Vaccini di richiamo dopo quattro mesi – Le persone potranno accedere ai richiami quattro mesi dopo la loro dose più recente, invece di sei mesi, con la nuova regola che sarà introdotta in un momento futuro non specificato.
  • Nessuna estensione del mandato per i vaccini – Il governo aveva anche discusso la possibilità di estendere il mandato di vaccinazione a più dipendenti statali, ma questo cambiamento non è stato approvato. L’obbligo del vaccino è stato esteso agli insegnanti, alla polizia e ai lavoratori dei servizi di emergenza il 15 dicembre e da aprile è stato applicato a tutti gli operatori sanitari.

Viaggi

  • Prova casuale – Il governo non ha fatto molte modifiche ai viaggi – solo una piccola mossa per contenere la diffusione del virus in Italia. Chiunque entri nel paese per turismo, lavoro o altri motivi potrà essere sottoposto a test antigenici o molecolari casuali. I controlli saranno effettuati nei porti, negli aeroporti, nelle stazioni e alle frontiere. In caso di risultato positivo, i viaggiatori saranno posti in isolamento temporaneo per un periodo di dieci giorni. La persona infetta sarà autorizzata a soggiornare in un hotel Covid se non c’è altra soluzione.

L’estensione delle vacanze scolastiche era anche sul tavolo prima dell’annuncio, ma il testo del decreto non ne fa menzione.

Alcuni presidenti regionali hanno avanzato l’idea di tenere le scuole chiuse fino al 31 gennaio e di restituire agli alunni l’apprendimento a distanza – o ‘DAD‘. Tuttavia, finora, non si parla di vacanze scolastiche più lunghe dell’Epifania (6 gennaio).

Guarda le ultime notizie e gli aggiornamenti di The Local sulle attuali misure sanitarie Covid-19 dell’Italia e sulle restrizioni di viaggio.

Per ulteriori dettagli sulle attuali misure sanitarie del Covid-19 in Italia, si prega di consultare il sito web del Ministero della Salute italiano (disponibile in inglese).