Le elezioni politiche in Italia sono alle porte: i seggi saranno aperti dalle 7 alle 23 di domenica 25 settembre.

Molte cose sono cambiate dalle ultime elezioni politiche italiane, ma le schede elettorali (schede elettorali) non sono tra questi e avranno la stessa forma e le stesse caratteristiche dell’ultima volta.

LEGGI ANCHE: Chi può votare alle elezioni italiane?

Ma se è la prima volta che votate in Italia, o se avete bisogno di un ripasso, ecco un’occhiata alle complicate schede elettorali italiane e a cosa dovete fare con esse.

Innanzitutto, gli elettori ricevono due schede elettorali: una rosa per la Camera dei Deputati e una gialla per il Senato. All’interno, entrambe avranno un aspetto simile a questo.

Prima pagina di una scheda elettorale del Senato con le istruzioni per il voto.

Seconda pagina di una scheda elettorale per il Senato con i simboli di tutti i partiti e dei loro candidati.

Seconda pagina di una scheda elettorale per il Senato con i simboli di tutti i partiti e i relativi candidati.

Come mostrato nella foto qui sopra, i simboli dei partiti sono racchiusi in rettangoli bianchi. I partiti appartenenti alla stessa coalizione sono raggruppati insieme (come nel caso dei partiti che compongono il blocco di destra). Accanto a ciascun partito sono riportati i nomi dei candidati.

Come si vota?

Potreste notare che la scheda elettorale italiana non presenta caselle di controllo accanto ai nomi dei partiti o dei candidati su cui apporre la propria croce, come invece avviene nelle schede elettorali di alcuni altri Paesi.

Sulla scheda elettorale italiana, invece, si traccia una croce – o segno (marco) – in cima a o:

  • Il simbolo del partito scelto OPPURE
  • Il nome di un candidato scritto in lettere maiuscole. (Non minuscolo – spiegheremo il perché più avanti).

La prima pagina della scheda elettorale spiega – in modo tipico politica (gergo politico) – che si vota “tracciando un segno sul partito prescelto e vale per detto partito e per il collegio uninominale”. [first-past-the-post] candidato ad esso associato.

“Se viene tracciato un segno su un collegio uninominale candidato, il voto vale anche per il partito con cui è schierato; nel caso di coalizioni, il voto viene diviso tra i partiti che compongono la relativa coalizione attraverso il sistema proporzionale”.

A questo punto potreste essere comprensibilmente perplessi su cosa sia una collegio uninominale Il candidato (o primo arrivato) è.

Il sistema è tutt’altro che semplice: L’Italia ha un sistema di voto misto con alcuni seggi assegnati tramite rappresentanza proporzionale (‘sistema proporzionale‘) e altri con il sistema first-past-the-post (‘uninominale secco‘).

LEGGI ANCHE: Guida introduttiva al sistema politico italiano

Per questo motivo, sulle schede elettorali italiane sono presenti due categorie di candidati.

I candidati i cui nomi sono scritti in maiuscolo eseguire per collegi uninominali (circoscrizioni elettorali uninominali), il che significa che c’è un solo seggio parlamentare in palio e che tale seggio viene assegnato con il sistema “first-past-the-post”.

D’altra parte, i candidati i cui nomi sono scritti in minuscolo eseguire per collegi plurinominali (circoscrizioni elettorali plurinominali), il che significa che ci sono più seggi disponibili – il numero di seggi dipende dalla dimensione della popolazione di una circoscrizione – e i seggi sono assegnati attraverso un sistema proporzionale basato sui risultati complessivi di ciascun partito.

Seggio elettorale italiano e preparazione delle schede elettorali.

L’Italia ha un sistema di voto misto con alcuni seggi assegnati tramite rappresentanza proporzionale (“sistema proporzionale”) e altri tramite l’uninominale secco (“first-past-the-post”). Foto di Andreas SOLARO / AFP

Ora, sebbene le schede elettorali italiane includano entrambe le categorie di candidati, gli elettori non sono effettivamente autorizzati a di votare direttamente per i candidati del sistema proporzionale (in minuscolo) e ciò comporterebbe una scheda viziata (nulla).

Vale la pena ripetere che è possibile solo vota segnando uno dei due candidati scelti al primo turno (in maiuscolo) o, in alternativa, il partito scelto con una croce.

Allora, perché disturbarci con candidati per i quali non possiamo votare?

Tutti gli elettori hanno diritto a due voti, uno per ogni camera parlamentare (Camera dei Deputati e Senato). In entrambi i casi, i voti non possono essere frazionati tra i due sistemi elettorali (primo voto al ballottaggio e rappresentanza proporzionale).

LEGGI ANCHE: La guida definitiva alle cruciali elezioni di domenica in Italia

Ciò significa che un voto per un candidato al primo turno (in maiuscolo) è anche un voto per il partito con cui è schierato e quindi per i corrispondenti candidati del sistema proporzionale (in minuscolo).

Allo stesso modo, un voto per un partito (o una coalizione) è un voto per i suoi candidati al sistema proporzionale e per il suo singolo rappresentante al primo turno.

Schede elettorali italiane per le elezioni del Senato.

Gli elettori non possono dividere il loro voto tra il sistema first-past-the-post e quello proporzionale. Foto di Andreas SOLARO / AFP

Ecco perché gli italiani schede elettorali includono i nomi dei candidati del sistema proporzionale, anche se gli elettori non possono votarli direttamente.

Vocabolario italiano utile per le schede elettorali

Scheda elettorale: Scheda elettorale

Candidato uninominale: Candidato per una circoscrizione elettorale uninominale. I distretti uninominali “offrono” solo un seggio parlamentare, che viene assegnato direttamente con il sistema first-past-the-post (cioè il candidato con il maggior numero di voti ottiene il seggio).

Candidato plurinominale: Candidato per una circoscrizione elettorale plurinominale. Questi distretti hanno più seggi disponibili che vengono assegnati attraverso un sistema proporzionale: i partiti che ottengono risultati migliori a livello nazionale ottengono più seggi in parlamento.

Segno: Il segno che si fa per votare. In genere si tratta di una croce.

Lista prescelta: Partito prescelto

Per ulteriori informazioni sul voto alle prossime elezioni in Italia, consultare il sito ufficiale del Ministero degli Interni.