In una mossa per sostenere il settore termale, che è stato tra i primi a chiudere e l’ultimo a riaprire tra le restrizioni Covid, il governo italiano sta offrendo fondi per le persone che vivono nel paese per andare a rilassarsi alle terme accreditate in Italia.

Il governo ha confermato che lancerà il cosiddetto ‘termine bonus‘ dall’8 novembre, assegnando fino a 200 euro a persona per il 100% dei servizi termali acquistati.

Per poter usufruire dell’agevolazione è necessario essere maggiorenni e legalmente residenti in Italia, mentre le terme che si sceglie di visitare non devono essere già a carico del Servizio Sanitario Nazionale o di altri enti pubblici.

LEGGI ANCHE: Dalla ristrutturazione di un immobile all’acquisto di una nuova auto: 28 “bonus” fiscali che puoi richiedere al governo italiano

Il governo ha dichiarato che i “servizi termali” includono servizi di benessere e bellezza.

Chiunque sia interessato ad approfittare dello schema dovrà prenotare direttamente presso una spa accreditata di sua scelta, che rilascerà un certificato di prenotazione. Le prenotazioni sono valide per 60 giorni e tutti i servizi prenotati devono essere utilizzati entro tale periodo.

Prenditi una pausa termale sul governo e sostieni l’Italia ‘terme‘. Foto: Denny Müller su Unsplash

“Il bonus consisterà in uno sconto del 100% sul prezzo di acquisto dei servizi termali selezionati, fino a un importo massimo di 200 euro”, ha dichiarato il Ministero dello Sviluppo Economico.

La spa, piuttosto che il cliente, dovrà richiedere il finanziamento al governo, il che significa che non è necessario richiedere uno sconto fiscale.

Tuttavia, poiché lo schema non viene lanciato ufficialmente fino all’8 novembre, alcune spa possono mettere i clienti in lista d’attesa se fanno domanda ora, ma non possono essere emessi buoni fino a quella data,

Una lista di centri termali partecipanti sarà elencata sia sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico che sul sito dell’agenzia del Ministero Invitalia.

Il bonus non è legato all’ISEE di una famiglia e quindi tutti possono richiedere l’intero importo del bonus.

Il numero ISEE italiano è la misura usata per indicare quanto la tua famiglia stia relativamente bene, tenendo conto del reddito, dei beni, dei debiti e di altri fattori. È abbastanza complesso da calcolare, ma puoi chiedere al tuo commercialista (commercialista) per fare questo per te.

Per accedere a questo bonus, quindi, non c’è bisogno di calcolare il vostro ISEE familiare e tutti nella stessa famiglia possono richiedere l’intero importo.

Una famiglia di cinque adulti, per esempio, può richiedere un bonus per ogni membro, il che significa che una famiglia potrebbe richiedere cinque bonus del valore massimo di 1.000 euro.

Un totale di 53 milioni di euro è stato stanziato per questo schema e il bonus funzionerà fino all’esaurimento dei fondi.

Questo incentivo è l’ultimo tra decine di “bonus” fiscali e sconti messi a disposizione dal governo per l’acquisto di qualsiasi cosa, da un’auto elettrica a una prima casa in Italia.

Per ulteriori informazioni, vedere il sito web del Ministero dello Sviluppo Economico italiano.