Il primo ministro italiano Mario Draghi ha annunciato mercoledì sera l’arrivo restrizioni per coloro che non sono vaccinati contro o guariti dal Covid-19 secondo le cosiddette regole del “super pass verde”.

Il nuovo sistema entrerà in vigore con un nuovo decreto in vigore dal 6 dicembre fino almeno al 15 gennaio.

LEGGI ANCHE: L’Italia impone ai non vaccinati il ‘super green pass’ Covid

Draghi ha detto che le regole erano necessarie per mantenere le imprese aperte e ha detto che il nuovo sistema permetterà a coloro che si vaccinano di godere di un Natale “normale” quest’anno.

Anche se molti dettagli devono ancora essere pubblicati, ecco quello che sappiamo finora su come funzioneranno le nuove regole sulla base degli annunci fatti dal primo ministro e dal ministro della salute alla conferenza stampa di mercoledì e di un comunicato stampa rilasciato dall’ufficio del primo ministro.

Cos’è il ‘super green pass’ italiano e come sono cambiate le regole?

Le nuove regole significa il certificato sanitario del paese o “green pass” non permetterà più l’accesso a luoghi di svago e culturali e ad alcune forme di trasporto pubblico a lunga distanza a meno che il portatore non sia vaccinato contro il Covid-19 o guarito da esso.

“Il pass verde rinforzato si applica solo a coloro che sono vaccinati o guariti”, ha dichiarato il comunicato stampa del governo.

L’attuale lasciapassare verde dell’Italia viene rilasciato a coloro che sono stati vaccinati, sono guariti dal Covid negli ultimi sei mesi o sono risultati negativi nelle ultime 48 o 72 ore (a seconda del tipo di test effettuato).

Da dicembre, i pass rilasciati sulla base dei risultati negativi del test saranno validi solo per l’ingresso nei luoghi di lavoro, nei trasporti pubblici e in altri luoghi ritenuti essenziali.

Foto: Marco BERTORELLO / AFP

Dove sarà richiesto il “super pass verde”?

Coloro che non sono vaccinati o guariti non potranno accedere a nessuno dei luoghi culturali o di svago dove il pass verde è attualmente richiesto. Questo include le palestre, discoteche, impianti di risalita e stadi sportivi, così come bar e ristoranti al coperto.

Con il nuovo decreto, l’obbligo del pass è stato esteso anche a agli alberghi, ai treni regionali e interregionali e al trasporto pubblico locale.

Il governo ha detto che il requisito del pass sarà applicato a eventi, imprese e servizi che sarebbero “altrimenti soggetti a restrizioni”, comprese le chiusure, in qualsiasi regione dichiarata zona ‘gialla’ secondo il sistema italiano a quattro livelli per le misure sanitarie.

Questo include spettacoli (come rappresentazioni teatrali), feste, discoteche ed eventi sportivi, così come “ristorazione al chiuso” e “cerimonie pubbliche” che sembrerebbero coprire grandi eventi come i matrimoni.

Cosa si può fare senza il ‘super pass verde’?

I pass verdi italiani rilasciati sulla base di un risultato negativo del test saranno ancora validi per l’ingresso nei luoghi di lavoro e nei trasporti pubblici.

Anche i trasporti pubblici saranno accessibili con i pass ottenuti sulla base di un risultato negativo del test.

Il periodo di validità dei pass basati su un risultato negativo del test non è cambiato.

Attualmente non ci sono requisiti di pass verde per l’ingresso a negozi e supermercati e questo sembra rimanere il caso.

Per quanto tempo sarà valido il pass?

Il nuovo decreto taglierà anche la validità dei pass verdi da a nove mesi per coloro che sono vaccinati, in mezzo alle indicazioni che la protezione dal vaccino sembra diminuire più velocemente di quanto si pensasse.

Fino ad ora, un lasciapassare verde ricevuto in seguito alla vaccinazione contro il Covid o al suo recupero era valido per 12 mesi.

Anche se pochi dettagli sono stati ancora annunciati ufficialmente, questo sembra significare che i pass generati dopo il completamento del ciclo di vaccinazione iniziale (dopo la somministrazione della seconda dose, o dopo il vaccino one-shot Johnson & Johnson) saranno ora validi per nove mesi e i pass generati dopo un richiamo o una terza dose saranno poi validi per altri nove mesi.

Mentre il nuovo decreto conferma che le persone saranno autorizzate a fare un richiamo cinque mesi dopo il completamento del ciclo di vaccinazione (invece di sei come avveniva in precedenza), questo non significa che i pass verdi scadranno dopo cinque mesi.

Le regole del ‘super pass verde’ si applicano ai bambini?

Le attuali regole del green pass italiano non si applicano ai minori di 12 anni e questo rimarrà il caso con il nuovo decreto.

L’Italia sta attualmente raccomandando le vaccinazioni per tutti coloro che hanno più di 12 anni, anche se un annuncio sui vaccini per i bambini di 5-11 anni è atteso nei prossimi giorni.

Se le vaccinazioni saranno approvate per i minori di 12 anni, le regole del pass verde e i requisiti dei vaccini non saranno ancora applicati a questa fascia di età.

Queste regole si applicano ai visitatori stranieri?

Il governo non ha dichiarato esplicitamente che le nuove regole del “super green pass” si applicheranno ai visitatori stranieri in Italia. Tuttavia, le attuali regole del green pass si applicano a tutti nel paese indipendentemente dalla nazionalità, dalla residenza o da qualsiasi altro fattore ed è molto probabile che questo sarà il caso delle nuove restrizioni.

Il nuovo decreto riguarda solo le regole interne e non menziona cambiamenti alle restrizioni sui viaggi internazionali.

I requisiti del pass verde rimangono gli stessi per l’ingresso in Italia al momento, tuttavia nei prossimi giorni è atteso un annuncio sui cambiamenti al sistema di pass sanitari a livello europeo, in mezzo al peggioramento della situazione sanitaria in tutto il blocco.

Mentre i paesi dell’UE iniziano a imporre nuove restrizioni di viaggio l’uno all’altro, la Commissione europea dice di riconoscere la necessità di rendere più severe le regole del suo certificato Covid. Per le ultime su come questo sistema potrebbe cambiare, vedi qui.

Continueremo ad aggiornare questo articolo con nuove informazioni non appena saranno disponibili.