La recensione di Piccinelli su "il manifesto"