Rassegna dal web
Antonella De Biasi*
«Le baraccopoli non sono una questione culturale, sono una condanna sociale. Io non sono nata così, non ho scelto. È la politica di esclusione nei nostri confronti che produce il razzismo».
Nota quotidiana
Lorenzo Declich
(da Vice)*
Gli ipotetici "cessate il fuoco", raggiunti tramite fragili accordi (nell'ultimo caso fra russi e turchi), si rivelano messe in scena il cui fine è principalmente quello di "mostrare al mondo" una disponibilità a salvare vite umane che, invece, sembra non esserci.
In movimento
Non una di meno*
Claudia non è una vittima da compiangere, è una di noi da sostenere. La sua storia ci atterrisce, ma siamo fin troppo consapevoli che ognuna avrebbe potuto essere al suo posto.
Nota quotidiana
Alegre
A cento anni dal '17, torniamo a parlare di rivoluzione. Fino al 31 gennaio puoi sottoscrivere l'abbonamento ai primi 10 titoli del 2017 di Alegre a soli 100 euro, oppure scegliere di acquistare 10 titoli del nostro catalogo sempre a 100 euro.
In movimento
Fabrizio Marcucci
(da il manifesto)*
Una ventina di realtà disseminate dalla Lombardia alla Sicilia, un'organizzazione al tempo stesso di produzione e di lotta, sul modello dei Sem terra brasiliani.
Nota quotidiana
Francesca Fradelloni
(da L'Unità)
Un'intervista a Selene Pascarella in cui si parla di come i media italiani trattano la cronaca nera, tra precarietà del lavoro e format da serie televisiva infarciti di sensazionalismo e stereotipi sessisti e razzisti, costruiti per tenere incollati allo schermo.
Rassegna dal web
Chiara Cecchini*
Arriva in Italia l’autobiografia di Anina, 26enne rom che studia per diventare magistrato a Parigi. Un libro che obbliga il lettore a un nuovo punto di vista, superando qualsiasi pregiudizio razzista ma anche gli stereotipi più comuni che accompagnano i rom.
Condividi contenuti