la nota quotidiana

Nota quotidiana

«Meccanoscritto»: Se gli operai (non) sono bestie

Gian Marco Martignoni (da La Bottega del Barbieri)*

Con la scomparsa dall’immaginario collettivo della tuta blu e la conseguente svalorizzazione del lavoro, i metalmeccanici sono oscurati come categoria dal mondo dei media, se non quando si verificano, procedure “di mobilità” per sfoltimento degli organici, i cosiddetti esuberi, delocalizzazioni selvagge, speculazioni immobiliari su aree industriali o acquisizioni di proprietà da parte dei fondi pensione internazionali.

Nota quotidiana

Multisegnalazioni working class di Alberto Prunetti: "Uccidi Paul Breitner" e "Mutualismo"

Alberto Prunetti (da il lavoro culturale)*

In una puntata della sua rubrica di multisegnalazioni su il lavoro culturale, dedicata nello specifico all'immaginario working class, Alberto Prunetti segnala sia Uccidi Paul Breitner di Luca Pisapia che Mutualismo di Salvatore Cannavò.

Nota quotidiana

Ricominciare dalla solidarietà, una ricetta per la sinistra

Giampiero Rossi (dal Corriere della Sera)*

Ma «oltre ad esercitare forme di solidarietà, il mutualismo ha senso soltanto se assume anche forma di resistenza, se rappresenta centri capaci di organizzare lotte e rivendicazioni». Cioè deve assumere una connotazione conflittuale. E su questo aspetto il libro insiste non poco.

Nota quotidiana

La doppia rivendicazione

Pino Narducci

Del gruppo che fece esplodere il tritolo davanti all’ambasciata argentina all’Esquilino non abbiamo mai saputo più nulla. Le Brigate internazionaliste Che Guevara ebbero una vita brevissima, la più effimera tra le migliaia di effimere storie di tutte le sigle che attraversarono le drammatiche vicende politiche e sociali del nostro paese negli anni Settanta.

Nota quotidiana

La somma delle oppressioni

Giuliano Milani (da Internazionale)

Il volume, uscito nel 1981 e oggi disponibile in italiano, anticipa le riflessioni del femminismo intersezionale e mostra come solo pensando insieme le differenti forme di oppressione (di genere, razziali, di classe) si possa pervenire a una vera emancipazione.

Nota quotidiana

Lo stadio della Roma e chi comanda in città

Paolo Berdini*

Un estratto dal libro "Roma, polvere di stelle" di Paolo Berdini che inquadra il ruolo di Luca Lanzalone, oggi tra gli arrestati nell'inchiesta sul nuovo stadio della Roma.

Nota quotidiana

Il futuro alle spalle. Per un nuovo mutualismo politico

Francesco Raparelli (da Dinamopress)*

Tornare alle origini, infatti, significa esplorare le storie “minori”, quelle allora sconfitte ma oggi dense d’attualità; trovare – inaspettatamente e nella crisi più drammatica della politica antagonista – il futuro alle spalle.

Nota quotidiana

Mutualismo, un’idea conflittuale e politica

Roberto Ciccarelli (da il manifesto)*

«Serve», scrive, «un obiettivo di sistema» dove le esperienze di «autogestione» – raccontate nel libro – «possano divenire strumenti per un ordine sociale diverso contro questo modo di produzione e i suoi poteri». Per farlo serve un mutualismo conflittuale in senso anticapitalista.

Nota quotidiana

Donne, razza e classe. Intervista a Cinzia Arruzza

Ginestra Bacchio (da Mimesis Scenari)*

Mimesis Scenari ha colto l'occasione dell'uscita di Donne, razza e classe di Angela Davis per porre alcune domande sul libro a Cinzia Arruzza, autrice della prefazione del volume, attualmente Associate Professor of Philosophy presso la New School for Social Research di New York.

Nota quotidiana

La narrazione tossica di Gaza e della storia palestinese

Alberto Negri (da il manifesto)*

Oggi a prevalere è la versione sionista degli eventi con una costante rimozione: nella terra promessa c’era un altro popolo che viveva lì da secoli. Di fronte a questa semplice e cruda verità ogni giorno si volta la testa dall’altra parte.

Nota quotidiana

Solidarietà, un’idea di sinistra di fronte al governo Salvimaio

Salvatore Cannavò (da il Fatto Quotidiano)*

Lega e Cinque stelle hanno scommesso, vincendo, su una faglia, generica, tra “l’alto” e il “basso”, tra il popolo e le élite, ma un punto di vista progressista e credibile è sempre più necessario al sistema istituzionale.

Nota quotidiana

Duecento volte Marx

Per i duecento anni dalla nascita del filosofo tedesco in promozione fino al 31 maggio due libri che raccontano il Marx politico, visionario, intempestivo: Marx l'intempestivo e Inventare l'ignoto insieme a 35 €.
Di seguito un estratto dalla prefazione di Daniel Bensaid a Inventare l'ignoto.

Nota quotidiana

Speranze fallite e altre vie d’uscita. Berdini racconta la Roma dei Cinque Stelle

Michele Colucci (da Napoli Monitor)*

La giunta Cinque Stelle si muove nel solco degli equilibri imperanti da decenni, rinnovando nei fatti decisioni e visioni orientate al taglio delle politiche sociali, alla sudditanza verso lo strapotere del privato in campo edilizio, alla riorganizzazione dei servizi per i cittadini quali quelli sui trasporti e sui rifiuti su basi esclusivamente liberiste.

Nota quotidiana

Porpora Marcasciano e le altre trans sovversive

Daniele Cassandro (da Internazionale)*

Porpora decide di raccontare la rivoluzione che avveniva dentro di sé, nel suo corpo e nei suoi desideri durante il percorso che da “frocia politicizzata” l’ha portata a diventare la “favolosa creatura” che ha sempre sentito di essere.

Nota quotidiana

Porpora Marcasciano, il corpo sgargiante

Linda Chiaramonte (da il manifesto)*

Alla fine degli anni Sessanta usciva allo scoperto una comunità che non aveva ancora mezzi e strumenti per definirsi e iniziava a cercarli per intraprendere un cammino difficile di autodeterminazione e visibilità, emancipazione e liberazione, affermazione di un’identità in cui il corpo diventava manifesto politico esibito e vissuto come una bandiera di appartenenza.

Nota quotidiana

Narrazione e amnesia

Massimo Palma (da Opera Viva)*

Dire la storia della morte di Renato M. in questo libro antiretorico significa esporre l’indicibilità della vita successiva. La retorica eroizza il crimine, lo rende folle, assoluto. O eroizza il pentimento, santificando la pena. Indicibile, invece, è la brama di futuro quotidiano. Indicibile è il non inchiodare, da parte di chi è loro vicino, le persone a fatti unici, siano pure di sangue.

Nota quotidiana

Flop Capitale: il M5S e la speranza fallita

Giacomo Russo Spena (da MicroMega)*

Paolo Berdini ripercorre l’esperienza da assessore nella giunta Raggi: “Il M5S doveva rappresentare una discontinuità rispetto ai malgoverni di destra e sinistra, ma ha tradito ogni aspettativa finendo per abbracciare l’urbanistica concordata”. E indica le linee guida per costruire una vera alternativa e rilanciare la città.

Nota quotidiana

Roma, dalle stelle alle stalle!

Rossella Marchini (da DinamoPress)*

Paolo Berdini racconta la crescita senza regole della Capitale e la speranza riposta nella nuova amministrazione per cambiare. Si voleva costruire una città giusta e accogliente, non è stato possibile

Nota quotidiana

Berdini: "Raggi? La speranza di cambiamento è durata due mesi"

Ylenia Sina (da Roma Today)*

"L'altro fatto culturalmente gravissimo riguarda l'idea che tutto il patrimonio pubblico debba essere messo a reddito. A quel punto tu chiudi la società romana. Cosa vuol dire 'legalità in una città che non ha più un luogo sociale?".

Nota quotidiana

Westworld alla Bolognaise, terza puntata: i gradi di separazione tra #FICO, i paradisi fiscali e... il Titanic

Wolf Bukowski (da Giap)*

La terza puntata dell'inchiesta su Fico di Wolf Bukowski.