la nota quotidiana

Nota quotidiana

Il 25 aprile l’Anpi di Roma premierà Davide Grasso per aver combattuto l’Isis in Siria

Per la questura di Torino è un soggetto pericoloso, per tutti gli altri Davide Grasso è un combattente per la libertà

Nota quotidiana

Roma, cacciare il reprobo non basta

Paolo Berdini (da Il Manifesto)

L'ex assessore all'urbanista della giunta Raggi è stata la prima vittima illustre dell'abbandono di ogni istanza di cambiamento dell'M5S romano: una riflessione sulle cause del declino della politica capitolina pentastellata.

Nota quotidiana

La scrittura come lotta allo sfruttamento

Titti Ferrante (da Gli stati generali)

Si può essere umani in un tempo di ferro? È una domanda che Prunetti non evade, ci accompagna a cercare una risposta attraversando zone impervie e nocive.

Nota quotidiana

La consegna

Pino Narducci

Pino Narducci torna a raccontarci storie di desaparecidos argentini. Questa volta tocca a una rocambolesca e avventurosa missione: la storia di come Susana riuscì a riunire due bambini, Camilo e Miguel, a loro padre Julio Santucho.

Nota quotidiana

L’aborto è sotto scacco in mezza Europa. E le donne non lo sanno

Sabina Pignataro (da La27Ora)*

In questo lungo e approfondito articolo sulla situazione del diritto all'aborto in Europa e nel mondo, Sabina Pignataro cita anche Se il mondo torna uomo. Le donne e la regressione in Europa, a cura di Lidia Cirillo.

Nota quotidiana

Quegli insorgenti a fasi alterne

Benedetto Vecchi (da il manifesto)*

Ruggine, meccanica, libertà di Valerio Monteventi, per Alegre. La nascita di una nuova collana editoriale di fiction e autofiction dedicata interamente alla working class.

Nota quotidiana

10 libri 100 euro. E andiamo al contrattacco

Giulio Calella

L'abbonamento alla nostra produzione editoriale 2019, per ri-tracciare insieme il campo di battaglia, ridando senso alle parole che ci hanno strappato di mano.

Nota quotidiana

Operai e detenuti, una sola meta. Farsi la palestra per allenarsi a rugby

Luca Sancini (da La Repubblica)*

Su Repubblica si parte da Ruggine, meccanica e libertà di Valerio Monteventi per raccontare il suo lavoro nell'officina del carcere della Dozza: vecchi maestri della meccanica e detenuti uniti insieme da una meta.

Nota quotidiana

You'll never walk alone. Conversazione con Alberto Prunetti

Enrico Manera (da Doppiozero)*

Le lotte ci sono ma nessuno le racconta. Tocca raccontarsi da soli, perché se ci raccontano ci fanno la caricatura.

Nota quotidiana

Una storia favolosa

Maysa Moroni (da Internazionale)*

Si parte da sé e si usa la fotografia per entrare, invitati, in una camera da letto di New York o in un giardino in provincia di Benevento e avere il privilegio di gettare uno sguardo su una scelta di vita che fa della rivolta esistenziale il suo fondamento.

Nota quotidiana

“Ruggine e libertà” il romanzo operaio di Valerio Monteventi

Luca Sancini (da la Repubblica)*

Pubblichiamo la recensione di Luca Sancini da «la Repubblica» del volume di Valerio Monteventi Ruggine meccanica e libertà fresco di stampa, che ripercorre la vita dello storico esponente dei movimenti bolognesi, dalle esperienze in fabbrica al carcere fino al ritorno "al tornio e alla fresa" nel luogo più inaspettato.

Nota quotidiana

Dalle resistenze al #Contrattacco. #Bologna, 9-11 novembre: un festival di nuovi inizi

Dal 9 all'11 novembre a Bologna: Contrattacco. Festival di letteratura sociale. Ecco il programma completo

Nota quotidiana

Raccontare vite sfruttate senza perdere la tenerezza

Alberto Prunetti

Nasce con Ruggine, meccanica e libertà di Valerio Monteventi la collana di narrativa working class diretta da Alberto Prunetti

Nota quotidiana

Una cospirazione in piena luce

Jacobin Italia

Parte la campagna abbonamenti di Jacobin Italia. Una rivista senza padroni, senza finanziamenti, pubblicata da un editore indipendente. Per partire c’è bisogno di congiurati e congiurate. Per partecipare iscriviti al club dei giacobini sottoscrivendo subito un abbonamento.

Nota quotidiana

Mutualismo, l’alternativa è «far da sé pensando»

Leonardo Filippi (da Left)*

«Se vogliamo trovare una soluzione, dobbiamo andare a ritroso, per recuperare ciò che chiamo “codice sorgente” del movimento operaio. Bisogna ritornare lì dove tutto è cominciato», spiega Cannavò a Left.

Nota quotidiana

Il mutualismo tra subalternità e autonomia

Fabio Ciabatti (da Carmilla On Line)*

Pubblichiamo la recensione di Fabio Ciabatti del volume di Salvatore Cannavò, Mutualismo. Ritorno al Futuro per la Sinistra uscito ad aprile scorso.

Nota quotidiana

#Siria, il momento di dirvi una cosa

di Lorenzo Declich (da Tutto in 30 secondi)*

Riprendiamo l'accorata riflessione di Lorenzo Declich, autore di Siria la rivoluzione rimossa, sulla tragica situazione che incombe sulla provincia siriana di Idlib, prossimo obbiettivo delle forze lealiste sostenute da Russia e Iran ma teatro nei giorni scorsi di importanti manifestazioni animate dalla popolazione civile.

Nota quotidiana

Angela Davis, a viso aperto contro l’oppressione

Marie Moïse (da Left)*

Pubblichiamo l'incipit dell'articolo di Marie Moïse dedicato a Donne, razza e classe di Angela Davis da lei tradotto. L'articolo completo è disponibile sul numero cartaceo di Left uscito venerdì 31 agosto o sul sito della rivista tramite abbonamento.

Nota quotidiana

«La sposa è bella ma è sposata a un altro uomo»

Francesca de Carolis (da Remo Contro)*

Settant’anni fa la fondazione dello stato di Israele. Per il popolo palestinese fu la Nakba, la catastrofe. E l’oscuramento della storia della popolazione che viveva da secoli dove i sionisti, cacciandoli, hanno fondato il loro stato. Una realtà che abbiamo rimosso, ma che è fondamentale conoscere per capire, e restituire la verità che la narrazione oggi prevalente vuole offuscare.

Nota quotidiana

Strumenti per raccontare l’ordinario

Gerardo Iandoli (da L'opinabile)*

Ci mette di fronte a una consapevolezza crudele: questa storia è narrabile perché è la storia di un operaio che subisce un’ingiustizia. Nella routine del tubista è l’eccezionalità della fibra d’amianto ad accendere il motore narrativo. E la vita operaia può diventare storia perché quella vita viene messa a rischio.